• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aree archeologiche della Sardegna

Area archeologica del castello di Acquafredda (Siliqua)

Castello di Acquafredda (Siliqua)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
contentmap_plugin

Il Castello di Acquafredda è un importante esempio di struttura fortificata di epoca medievale risalente al periodo di dominazione pisana. Il castello dista 4 km dal centro abitato di Siliqua e si erge su di un colle di origine vulcanica ad un’altitudine di 256 metri sul livello del mare dominando sulla circostante piana del Cixerri.

Con un decreto legge del 1993, il colle su cui sorge il castello, denominato “Domo Andesitico di Acquafredda”, è stato dichiarato Monumento Naturale della Regione Sardegna.

È opinione diffusa attribuire la costruzione del Castello di Acquafredda al celebre nobile pisano Ugolino Della Gherardesca, conte di Donoratico, sin dal 1257, quando divenne Signore della parte sud - occidentale della Sardegna dopo la caduta del Giudicato di Cagliari. Tuttavia, dal ritrovamento di una bolla Papale, datata 30 luglio 1238, nella quale Gregorio IX dà disposizioni affinché si provveda a mettere in assetto di guerra le fortificazioni dei giudicati di Torres, di Gallura e di Cagliari, si ritiene che il castello, inserito nella Curadoria del Sigerro, esistesse già dal 1215.

Il conte Ugolino aveva la residenza nel castello di San Guantino a Iglesias (oggi chiamato Salvaterra) e il poderoso castello di Acquafredda aveva lo scopo di controllare l’accesso alla città mineraria, ricca di giacimenti di argento, zinco e piombo, fonte di inesauribile ricchezza per Pisa. Caduto in disgrazia, il conte fu imprigionato a Pisanella torre dei Gualandi poi chiamata "Torre della Fame" dove morì nel 1288. Il castello passò cosi sotto il controllo diretto della repubblica pisana. Le vicende del conte Ugolino sono divenute illustri grazie ai profondi versi di Dante Alighieri nella Divina Commedia: “La bocca sollevo' dal fiero pasto quel peccator…” che possiamo trovare nel XXXIII canto della Cantica dell’Inferno.

Dopo i Pisani, dal 1326 al 1410 il castello di Acquafredda divenne proprietà degli Aragonesi. Oltre tale data, probabilmente, la fortezza non fu più abitata e passò, assieme ai terreni vicini, nelle mani di diverse famiglie feudatarie fino a che non venne riscattato nel 1785 dal Re di Sardegna Vittorio Amedeo.

Coordinate: 39° 15' 44" N - 08° 49' 13" E

Comune: Siliqua (CA)

Castello di Acquafredda

Visita al castello di Acquafredda

Attività che puoi fare qui

Visite guidate
Escursionismo
Biowatching
 
Fotografia
 
 
 

Il Castello di Acquafredda è visitabile tutti i giorni dalle 10:00 alle 19:00

Ogni visità guidata ha una durata di circa 1 ora e 15 minuti - Il castello si puo' visitare con la visita guidata (per prenotazione) o senza (il sentiero è provvisto di cartelli informativi e fotografici).

Biglietteria al castello di Acquafredda

Intero: € 4.00 + € 1 con visita guidata su richiesta
Ridotto ragazzi dai 6 ai 13 anni: € 3.50
Ridotto gruppi oltre le 20 persone: € 3.00
Ridotto residenti Comune di Siliqua: € 2.00+ €1 con visita guidata su richiesta
Abbonamento annuale: € 10.00
Abbonamento annuale per nucleo familiare per i residenti del Comune di Siliqua: € 10.00

Info Antarias società cooperativa SiliquaCooperAttivamente

Tel 3491564023 – 3497428014
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Profilo Facebook: Castello di Acquafredda 
Sito web: www.castellodiacquafredda.it

Testo e foto di Antarias società cooperativa Siliqua



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.