• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aree archeologiche della Sardegna

Area archeologica del nuraghe Is Paras (Isili)

Nuraghe Is Paras (Isili)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
contentmap_plugin

Il nuraghe Is Paras è ubicato nell’immediata periferia nord dell’abitato di Isili (CA). Il suo nome originario è Su Idili, termine derivato dalla località ed indicativo di un luogo particolarmente acquitrinoso dove ristagna l’acqua. La denominazione più recente, Is Paras, viene dal fatto che il terreno sul quale sorge il monumento appartenne per lungo tempo ai frati scolopi, i quali edificarono a Isili un convento e una chiesa dedicata a S. Giuseppe Calasanzio.

È un nuraghe complesso di tipo trilobato, composto da una torre centrale e circondato da tre torri secondarie collegate tramite cortine murarie rettilinee e da un piccolo cortile a cielo aperto. La torre centrale conserva al suo interno una bellissima e maestosa tholos intatta, una camera con copertura a cupola che con i suoi 12 metri di altezza è la più alta della Sardegna.

Il sito è stato costruito in tre fasi, Bronzo Medio: XV-XIV secolo a.C. - Nuraghe semplice: viene costruita la torre centrale utilizzando grossi blocchi squadrati di calcare marnoso e organogeno; Bronzo Recente: XIII-XII a.C. - Nuraghe “a tancato”: vengono costruite di fronte alla torre centrale due cortine murarie e la torre sud-est, cosi si crea un cortile a cielo aperto, e solo nel Bronzo Recente-Finale XII-XI a.C. - Nuraghe Trilobato e antemurale: vengono costruite altre due torri orientate a ovest e a nord-est. Attorno al bastione trilobato è presente la cinta antemurale il cui percorso emerge lungo il lato meridionale e sud-occidentale; essa si articolava in numerose torri e di almeno tre di esse appaiono i resti. Tra il bastione e la cinta antemurale cominciano ad evidenziarsi le creste di alcune capanne pertinenti al villaggio che potrebbero occupare buona parte della collina sulla quale sorge il nuraghe.

Sono state effettuate due campagne di scavo, la prima dal 1974 al 1976, la seconda nel 1998, in seguito a questi interventi scientifici, si è andata precisando la pianta del sito e l’estensione dell’insediamento abitativo ad esso connesso. Oggi è possibile visitare l’interno della torre centrale, il cortile e una delle torri secondarie, mentre le altre due al momento sono visibili, solo in parte, nel loro paramento murario esterno. Non si individuano ancora gli ingressi e il passaggio che le collegava tra di loro.

Entrando nell’ingresso principale del trilobato si accede a un breve corridoio, sulla sinistra del quale è presente una stretta e ripida scala che conduceva al piano superiore della piccola torre sud-est, mentre su quella destra si può osservare un piccolo stipetto a muro. Dall’andito si accede a un piccolo cortile a cielo aperto, uno spazio a forma di mezza luna, sul quale si aprono gli ingressi alla torre centrale e alla torre sud-est; quest’ultima completamente svettata, con pianta circolare e corredata all’interno da due aperture trapezoidali. La torre centrale ha alcune caratteristiche particolari: la presenza di un ingresso rettangolare sopraelevato, una scala di camera e un pozzo cisterna il cui scavo non è mai stato completato a causa di problemi insorti durante i lavori del 1974, l’incompletezza dello scavo e la scarsità di reperti ritrovati al suo interno hanno impedito di datare il pozzo e di attribuirgli una funzione d’uso.

L’ingresso alla torre centrale, orientato a sud-est, è alto 3 metri, uno dei più alti fino ad ora conosciuti, rialzato rispetto al piano di calpestio in quanto la torre è stata costruita su un rilievo marnoso che affiora in parte nel cortile. Visitando la torre centrale dopo l’ingresso si accede a un andito a sezione ogivale con soffitto ascendente, sul lato sinistro è presente una nicchia di forma trapezoidale. Per accedere all’interno si discende un gradino e ci si ritrova nella camera semplice, priva di spazi sussidiari e nicchie, ma elegante e maestosa nella costruzione della sua tholos realizzata con 37 filari regolari di blocchi squadrati di calcare marnoso e organogeno che si restringono progressivamente verso l’alto per 12 metri, creando una bellissima e particolare cupola. All’interno della camera, sulla parete destra, a circa 6 metri d’altezza si apre l’accesso alla scala di camera, di tipo elicoidale, che in origine conduceva al piano superiore e al terrazzo.

Successivamente all’epoca nuragica, nel periodo romano (II – III sec. d.C.) e bizantino ( VI – VII sec. d.C.), il sito fu riutilizzato: sui crolli del bastione vennero edificate alcune capanne delle quali sono state ritrovate tracce dei muri e del pavimento in argilla, insieme a reperti ceramici e una fibbia in bronzo a forma di scudo con rappresentazione di un personaggio maschile tra 2 croci latine.

Coordinate: 39° 44' 55" N - 09° 06' 27" E

Comune: Isili (CA)

Nuraghe Is Paras

Visita al Nuraghe Is Paras

Attività che puoi fare qui

Visite guidate
Fotografia
 

Il Nuraghe Is Paras è visitabile dal 1° marzo e fino al 31 ottobre dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00 (l'orario pomeridiano può subire piccole variazioni con scarti di mezzora dovuti alla luce solare, più che altro in primavera e in autunno (marzo - aprile e ottobre 15.30- 18.30). Dal 1° novembre è visitabile su richiesta chiamando ai seguenti recapiti:

Info Società Cooperativa SA FRONTISSA con sede a IsiliCooperAttivamente

Tel. 0782/802641  3804553856  3391121384

Testo e fotografie di Società Cooperativa Sa Frontissa



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.