Italian English French German Portuguese Russian Spanish
  • Registrati

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Cinghiale sardo

Nome comune

Cinghiale sardo

Nome scientifico

Sus scrofa meridionalis Forsyth Major

Nomi sardi

Sirbòni, sirbòne, sribòni

Cinghiale sardoDescrizione

Il cinghiale sardo (Sus scrofa meridionalis) è una sottospecie del cinghiale, più piccolo del cinghiale maremmano (Sus scrofa majori). L'adulto presenta un'altezza al garrese di 50-60 cm, una lunghezza di 100-120 cm e un peso fra i 70 e 80 kg nel maschio, che in rari casi può raggiungere i 100 kg. Il cranio è più lungo rispetto alla sottospecie continentale. Il mantello è nero-bruno con sfumature argentate per la presenza di numerose setole bianche. Sulla  testa e sopra il collo è presente una cresta di setole più lunghe. La coda è corta terminante con un ciuffo di peli. I piccoli sono marroni con le caratteristiche striature longitudinali più chiare.

Biologia

Si nutre in continuazione. E' onnivoro ma la sua dieta pù variare in base alla disponibilità stagionale di cibo. Si nutre molto spesso di tuberi e rizomi sotterranei, che estrae con l'uso dei quattro incisivi inferiori disposti a scalpello.

Ambiente

Il cinghiale sardo predilige la macchia mediterranea e i boschi. Talvolta si introduce nei campi coltivati.

Curiosità

Le origini del cinghiale sardo risalirebbero al neolitico, quando fu importato in Sardegna ad opera di popolazioni fenicie.

 

Classificazione scientifica

Regno: Animalia

Phylum: Chordata

Classe: Mammalia

Ordine:  Artiodactyla

Famiglia: Suidae

Genere: Sus Linnaeus

Specie: Sus scrofa Linnaeus

Sottospecie: Sus scrofa meridionalis Forsyth Major

 

Nuovo SardegnaNatura - 01 ottobre

X

Attenzione!

Gentile utente, i contenuti di questo sito web sono coperti da Copyright (vedi Politiche del sito). Per qualsiasi informazione contattaci utilizzando il nostro modulo contatti.