• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fauna della Sardegna

Biacco (Hierophis viridiflavus)

Biacco (Hierophis viridiflavus)

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nome comune

Biacco

Nome scientifico

Hierophis viridiflavus Lacépède

Nomi sardi

Colòra, colòbra, colòvru, lassinavènu

Descrizione

Il Biacco è un rettile non velenoso che solitamente ha una lunghezza di 150 cm (può arrivare fino a 200 cm). Ha una colorazione molto variabile ma la più frequente è quella con parti scure verdi e parti chiare gialle. Altre possono essere nere con macchie grigie. La sfumatura grigia è indice dell'inizio della formazione della muta. Il disegno inoltre è differente a seconda delle parti del corpo. Alcuni esemplari possono avere il disegno simile al colubro ferro di cavallo. Le parti inferiori sono chiare. La testa, ovale, non è molto grande se paragonata alle dimensioni dell'intero corpo. I denti sono piccoli e aguzzi. La coda è lunga un quarto della lunghezza totale.
I giovani fino a due anni di vita sono brunastri con macchie gialle e hanno la testa è gialla e nera. Tra i 2-4 anni sono quasi completamente neri.

Biologia

Durante la primavera i maschi effettuano dei veri e propri combattimenti a colpi di coda per la femmina. L'accoppiamento avviene tra aprile e giugno e durante la copula il maschio tiene ferma la femmina mordendola sulla nuca o sul collo. A fine giugno vengono deposte 5-15 uova in cavità nel terreno o della roccia o negli anfratti dei muretti a secco. La schiusa avviene dopo 6-8 settimane. La maturità sessuale viene raggiunta a 4 anni per i maschi e 5 per le femmine.
È il serpente più veloce tra quelli che sono presenti in Italia; solitamente quando è vede un intruso tende a scappare.
Il suo periodo di letargo va da settembre-ottobre a marzo-aprile. La temperatura ideale è di 30-40°C.
La sua alimentazione è basata su mammiferi di piccole dimensioni e uccelli che soffoca prima di ingerirli, ma anche lucertole e uova di altri animali.

Ambiente

È terricolo e solo raramente lo si vede su alberi o arbusti. Frequenta zone ben soleggiate, aride con macchia mediterranea o campi coltivati e muretti a secco.  
Non è molto diffuso in Europa. È presente in Italia, Istria, Francia centro-meridionale e Corsica. In Sardegna è presente ovunque comprese le isole minori e gli arcipelaghi.

Curiosità

Il genere Hierophis è il termine che lo scopritore attribuì a questo rettile; l'epiteto specifico viridiflavus è in relazione al colore verde-giallo dell'animale.
Il biacco può arrivare fino a 20 venti anni di età anche se probabilmente gli individui non superano i 12-15.

 

Classificazione scientifica

Regno: Animalia

Phylum: Cordata

Classe: Reptilia

Ordine: Squamata

Famiglia: Colubridae

Genere: Hierophis Fitzinger

Specie: Hierophis viridiflavus Lacépède

Sinonimi: Coluber gyarosensis Mertens, Hierophis gyarosensis Mertens

 



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.