• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fauna della Sardegna

Femmina di Iris oratoria, da notare la caratteristica delle ali che non superano l'addome

Mantide mediterranea (Iris oratoria)

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Femmina di Iris oratoria, da notare la caratteristica delle ali che non superano l'addome

Nome comune

Mantide mediterranea, Mantide di Iris

Nome scientifico

Iris oratoria Linnaeus

Descrizione

La mantide mediterranea (Iris oratoria) è un insetto appartenente all'Ordine Mantodea e alla famiglia Tarachodidae. Questa mantide simile alla Mantis religiosa viene spesso confusa con essa. Le sostanziali differenze sono la dimensione delle ali notevolmente più corte, che nelle femmine di Iris oratoria non ricoprono l'intero addome dell'adulto. Altro carattere distintivo sono il numero di spine sul margine esterno delle zampe raptatorie (5 nel caso dell'Iris) e i tubercoli (puntini) bianchi visibili sulla fronte dell'Iris oratoria e assenti in Mantis Religiosa, inoltre altra differenza facilmente osservabile è l'assenza delle macchie carpali bianche e nere all'interno delle zampe raptatorie in Iris oratoria mentre è palesemente visibile in Mantis religiosa. La testa di questa specie può ruotare facilmente fino a 180 gradi, ha due grandi occhi composti e tre semplici, situati tra le antenne filiformi.

Il dimorfismo sessuale è leggermente marcato, infatti la femmina varia dai 5,5 ai 6 cm di lunghezza mentre il maschio, poco più piccolo, varia dai 4 ai 5 cm. Il colore è determinato dal luogo in cui vive durante la sua ultima muta: se è erba secca il colore sarà marrone, se erba fresca il colore sarà verde. Questa caratteristica sembra che venga influenzata dall'umidità relativa presente nell'habitat: alto tasso di umidità colore verde, basso tasso di umidita colore marrone.

Iris oratoria, maschi e neanide

Iris oratoria, maschi (sinistra e centro) e neanide (destra)

Biologia

Questa specie specie, come le altre mantidi, è un predatore. Ha una dieta esclusivamente carnivora e la sua principale fonte di cibo sono altri tipi di insetti e aracnidi.

Di grande aiuto per la caccia si rivela l'enorme campo visivo dovuto all'elevata mobilità della testa e ai suoi grandi occhi composti. La femmina non mangia il maschio durante l'accoppiamento in un caso su quattro. Dopo l'accoppiamento la femmina depone, a fine estate o inizio autunno, le uova in una ooteca, che posiziona sotto le pietre e nel legno. L'ooteca è di colore marrone chiaro. All'interno solitamente vengono deposte due sacche di uova.

Iris oratoria, ooteca

Ooteca di Iris oratoria

Ambiente

Predilige le zone di macchia e terreni incolti adibiti a pascolo, comune nelle zone aride.

Presente in tutta Italia comprese le isole maggiori (più rara nelle regioni settentrionali).

Iris oratoria è nativa dell'Europa, dove è molto diffusa. La specie è stata introdotta in Medio Oriente, Asia occidentale e meridionale, in Asia minore e nell'America settentrionale, dove dopo aver invaso il sud della California nel 1930 ora è presente in Arizona, Nevada, Texas e tutta la California. La sua presenza si estende anche in alcuni paesi del nord Africa.

Curiosità

Si narra che il successo della distribuzione di questa specie oltre l'areale natio, sia dovuto principalmente a due "strategie di sopravvivenza". La prima sta nel fatto che in carenza o assenza di maschi, Iris oratoria è in grado di ricorrere alla riproduzione partenogenetica. In questo caso dalle uova non fecondate, nasceranno solo femmine. La seconda strategia consiste nel fatto che dalle ooteche le uova possono svilupparsi in due periodi diversi, ovvero una parte di esse si schiude quando i "fratelli" nati nel primo periodo stanno già riproducendosi.

 

Classificazione scientifica

Regno: Animalia

Phylum: Arthropoda

Classe: Insecta

Ordine: Mantoidea

Famiglia: Mantidae

Genere: Iris Saussure

Specie: Iris oratoria Linnaeus 1758

Testi e foto di Salvatore Canu


Riferimenti

Salemi M., Tomasinelli F. 2006. Le mantidi religiose e gli insetti stecco. De Vecchi Editore.

Baccio Baccetti. Ricerche zoologiche della nave oceanica Minerva (C.N.R.) sulle isole circumsarde.



logo

Sardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logoSardegna Natura è il primo e più ricco portale web dedicato alla natura della Sardegna con l’obiettivo di promuovere le sue straordinarie bellezze naturali.

logo

Le nostre community

Vuoi scriverci, darci un consiglio o hai riscontrato un problema su questo sito?

© 2017 A.C. Sviluppo Sostenibile. C.F. 92240180924. Tutti i diritti sono riservati.