Italian English French German Portuguese Russian Spanish
  • Registrati

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

In Sardegna sono scarse le condizioni per la formazione di veri e propri stagni e paludi interne. Gli stagni d'acqua dolce, o a contenuto salino molto basso, sono in genere associati alle zone più interne degli stagni costieri. Gran parte delle aree paludose più interne è stata ormai bonificata, mentre un tempo erano più diffuse soprattutto nelle principali pianure dell'isola.

La vegetazione tipica delle aree stagnali e paludose è rappresentata da idrofite natanti come Lemna minor, briofite natanti come Riccia fluitans, e alghe pluricellulari, come le Caracee. Spostandoci dal centro del bacino verso le sponde vedremo comparire idrofite radicanti come Potamogeton natans, Nymphaea alba e Callitriche stagnalis. In prossimità delle sponde compaiono elofite, emicriptofite, e geofite quali Typha latifolia, Iris pseudacorus, Phragmites australis, Scirpus lacustris, Carex elata, Juncus spp.

Un particolare tipo di ambiente stagnale, abbastanza frequente in Sardegna, è rappresentato dagli stagni temporanei mediterranei. Si tratta di bacini d’acqua dolce a carattere stagionale e poco profondi, che si formano laddove piccoli avvallamenti naturali formano punti di raccolta delle acque piovane. Questi specchi d’acqua effimeri sono contemplati dall’Unione Europea come habitat di importanza Comunitaria per la loro eccezionale diversità vegetale e animale, e per la loro rarità. In Sardegna si concentrano soprattutto sugli altopiani basaltici e trachitici, in minor parte, su quelli calcarei e granitici.

La vegetazione di questi stagni effimeri è rappresentata soprattutto da specie annuali accompagnate da specie perenni generalmente di piccola taglia. Spesso è possibile riconoscere fasce concentriche, con differenti associazioni di specie, in funzione della profondtà dell'acqua e della durata del periodo di sommersione. La maggior parte delle comunità vegetali degli stagni effimeri della Sardegna sono riferite alla classe Isoeto-Nanojuncetea, caratterizzata da particolari pteridofite acquatiche del genere Isoëtes e giunchi di piccola taglia, accompagnati da specie come Cicendia filiformis, Elatine spp., Callitriche spp., Carex spp., Glyceria spicata, Lythrum spp., Pilularia minuta, Ranunculus spp., Baldellia ranunculoides.

Stagno temporaneo nella Giara di Gesturi

Stagno temporaneo presso Semestene

Isoetes velata

Baldellia ranunculoides

mappa vegetazione sardegna stagni paludi
X

Attenzione!

Gentile utente, i contenuti di questo sito web sono coperti da Copyright (vedi Politiche del sito). Per qualsiasi informazione contattaci utilizzando il nostro modulo contatti.