Italian English French German Portuguese Russian Spanish
  • Registrati

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Fiore di Iris siculaFiore di Iris sicula

Il forte interesse per le iris da parte dell'uomo, sia attuale che passato, rende difficile capire quante delle specie attualmente presenti in Sardegna siano native e quante non lo siano. Inoltre, l'identificazione delle specie non è compito facile, sia per la presenza di ibridi naturalizzati, sia per i caratteri diagnostici distintivi necessari per determinare ciascuna specie.

Se si considerano solamente le iris della sezione pogon (dal greco barba) per l'isola vengono indicate l'Iris x germanica, l'I. florentina, l'I. x albicans, l'I. pallida e l'I. sicula. Più di recente è stata osservata la presenza di un'altra specie di questa sezione, l'I. lutescens (dati in pubblicazione), molto comune in alcune aree dell'isola e probabilmente spesso confusa con altre specie. L'I. lutescens, chiamata comunemente giaggiolo tirrenico, è presente in Corsica, Francia meridionale, Portogallo, Spagna Nord-orientale; in Italia in Toscana, Lazio ed in Liguria dove è specie protetta.

Iris lutescensIris lutescens

Altra specie di notevole interesse conservazionistico è sicuramente l'I.sicula, presente in Sardegna, Sicilia, Malta, Asia Minore, Palestina e Mesopotamia. In Sardegna l'I.sicula è stata segnalata solamente per il Rio Ollastu (Burcei), ma più di recente è stata ritrovata anche in altre località dell'isola.

La confusione di alcune specie di iris della sezione pogon, con altre di certa introduzione, ha portato a sottovalutare l'importanza di tutelare le entità native presenti in Sardegna.

Gruppo di Iris siculaGruppo di Iris sicula

Testo e fotografie di Amedeo Fadda


Riferimenti

X

Attenzione!

Gentile utente, i contenuti di questo sito web sono coperti da Copyright (vedi Politiche del sito). Per qualsiasi informazione contattaci utilizzando il nostro modulo contatti.